Importante rinnovo del laboratorio Lab Circuits

Importante rinnovo del laboratorio Lab Circuits

La voglia di migliorare giorno dopo giorno, insieme a un gruppo lavorativo abbastanza interessato e dotato dei migliori mezzi, ha permesso di poter garantire sempre la qualità e l’integrità dei circuiti fabbricati all’interno del Lab Circuits.
Per tale motivo, al fine di migliorare su questo fronte, si è cercato di realizzare un importante ammodernamento degli strumenti di laboratorio con l’incorporazione di un nuovo misuratore di contaminazione ionica, un nuovo forno di saldatura reflow, un nuovo misuratore di spessore dei metalli mediante raggi X e un nuovo microscopio ottico di ultima generazione.

Misuratore di contaminazione del sistema Gen3
L’aumento di densità di connessione (HDI) all’interno dei circuiti stampati ha permesso di dare sempre l’importanza alla pulizia dei circuiti stessi, per tale motivo all’interno del Lab Circuits è stata rinnovata l’attrezzatura di contaminazione ionica grazie all’impiego di strumenti di ultima generazione.
I misuratori di contaminazione ionica si utilizzano per misurare la quantità relativa alla contaminazione ionica, secondo lo standard IPC/ANSI-J-STD001. Tali strumenti vengono conosciuti anche come SEC (conduttività del solvente estratto).
Questo metodo di analisi viene riconosciuto come un importante strumento al fine di garantire il controllo del processo durante la fabbricazione dei circuiti stampati e dei componenti.

Misuratore di spessore di metallo Fischerscope raggi X, XUL-PCB
Il nuovo misuratore di spessore di metallo a raggi X è uno strumento pensato per misurare il rivestimento di tipologia Au/Ni/Cu/PCB, Ag/Cu/PCB o Sn/Cu/PCB, così come per la determinazione quantitativa del contenuto metallico durante i bagni elettronici.
Senza dubbio risulta essere una strumentazione imprescindibile all’interno del Lab Circuits, sia per il controllo dei prodotti metallici finiti impiegati sui PCB realizzati, così come per l’analisi e il controllo delle differenti procedure chimiche che intervengono nella realizzazione dei circuiti stampati.

Microscopio ottico LEICA DM 2700 M
Il Leica DM2700 impiega un’illuminazione a LED per tutti i metodi di contrasto: campo chiaro e campo scuro. Inoltre impiega un’illuminazione obliqua integrata che migliora la visualizzazione della topografia della superficie e i suoi eventuali difetti.
Fornito di un software di analisi molto avanzato, sarà senza alcun dubbio una strumentazione molto utile nell’analisi e nello studio delle differenti procedure di fabbricazione dei PCB che vengono realizzati all’interno del Lab Circuits.

Forno Reflow LPKF ProtoFlow S
All’interno del Lab Circuits viene inoltre incorporato un nuovo forno che permetterà di simulare al meglio i differenti processi di saldatura, in quanto vengono inserite delle sonde di temperatura per regolare il profilo della saldatura desiderata.
All’interno del Lab Circuits vengono presentati i circuiti a cicli multipli di saldatura al fine di assicurare l’integrità dei multistrati e poter superare lo stress che dovranno sopportare i circuiti nelle fasi posteriori di assemblaggio dei componenti.

Data di pubblicazione: 27-07-2017